Come usare le liste verticali

  • 0
liste-verticali

Come usare le liste verticali

Tags : 

In un post precedente ho dato qualche suggerimento per creare link efficaci. Oggi parliamo di un altro elemento molto utile per ottimizzare un testo sul web: le liste verticali.

Vantaggi

Le liste, (numerate, puntate, marcate da altri segni, o anche prive di alcun segno) come spiega egregiamente Daniele Fortis, risultano molto utili nella scrittura online, in quanto:

  • sono facili da scorrere, quindi favoriscono lo scanning, ovvero la sommaria perlustrazione del testo tipica del navigatore;
  • spezzano l’uniformità della pagina alleggerendo i testi densi e fitti contrastando il fastidioso effetto “muro di parole”;
  • isolano le informazioni presentandole in modo chiaro e ordinato;
  • vari studi hanno evidenziato che agevolano la lettura, la comprensione e la memorizzazione;
  • consentono un rapido reperimento delle informazioni;
  • spesso permettono di risparmiare parole, favorendo la concisione;
  • inducono l’autore alla precisione e alla concretezza: quando ci si costringe a scrivere per elenchi, si corrono meno rischi di cadere nel vago e nell’approssimazione.

Consiglio quindi di sfruttare appieno questa risorsa nelle redazione delle vostre pagine web. Tuttavia bisogna stare attenti a utilizzarle con criterio.

Quando utilizzarle

Quando vi accorgete che il vostro testo contiene una lista soggiacente, provate a portarla in superficie, esplicitandola visivamente, ne guadagnerete in chiarezza ed efficacia.
Inoltre quando enumerate una serie di elementi omogenei, appartenenti alla stessa classe di informazioni, valutate la possibilità di presentarli in forma di lista verticale.
Se è vero che le liste verticali sono una risorsa utile, è altrettanto vero che un impiego eccessivo rischia di essere controproducente.
La funzione delle liste è essenzialmente quella di dare risalto a ciò che viene elencato. Bisogna però sottolineare che il risultato deriva dal contrasto: se tutto è trasformato in lista, gli elementi elencati sembreranno tutti uguali perché non avranno nulla su cui contrastare. A questo proposito fanno eccezione tutti quei post basati volutamente e interamente sulla struttura della lista.
Stilare liste efficaci quindi non è facile come sembra, ecco un primo consiglio utile su come utilizzarle al meglio:
i segni usati per marcare le voci di una lista non sono intercambiabili.

Quando utilizzare i numeri:

  • quando le voci seguono una sequenza logica o cronologica (per esempio una serie di istruzioni che vanno eseguite necessariamente nell’ordine indicato);
  • quando le voci denotano oggetti predeterminati nel numero (per esempio, se i documenti da presentare per un’autorizzazione sono sette, è opportuno che la lista che li elenca usi i numeri per contrassegnarli);
  • quando nel proseguo del discorso avrete bisogno di far riferimento a una voce specifica della lista.

Le lettere sono grosso modo equivalenti ai numeri: anche se in misura inferiore, anch’esse suggeriscono una gerarchia o una progressione.

Quando utilizzare i simboli

Sono più appropriati i simboli (punti, lineette, quadratini o altro), in tutti gli altri casi, ovvero quando le voci della lista si trovano sullo stesso piano e non sono legate da alcun rapporto di priorità o successione.
Tuttavia vi consiglio di cercare di disporre comunque le voci secondo un qualche criterio logico. Se sono assolutamente equivalenti e l’ordine in cui collocarle è indifferente, mettete la più lunga in fondo, in modo che non disturbi la lettura di quelle più corte.

Ci sarebbe ancora molto da dire sul miglior utilizzo delle liste verticali, a voi viene in mente qualcosa? Fatemelo sapere nei commenti!


About Author

Giulia Di Re

Giulia Di Re

Webwriter, editor, creatrice di ebook e fondatrice del blog Punto di Domanda. Filosofa ed esploratrice della scrittura in tutte le sue forme e sfumature. Appassionata di storie, libri, comunicazione e serie tv.

Leave a Reply

iscriviti alla newsletter!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

acconsento al trattamento dei dati personali secondo le condizioni espresse nella pagina d'informativa sulla privacy

Vuoi dar vita al tuo progetto web e avere successo? Leggi l'ebook gratuito