Come un Romanzo: un libro per lettori e non lettori

  • 0

Come un Romanzo: un libro per lettori e non lettori

Tags : 

Un requisito fondamentale dell’editor? Leggere.
Un requisito fondamentale del webwriter? Leggere.
Del copywriter? Indovinate un po’. Leggere.
Del blogger? Di nuovo.

Attenzione, leggere sì, ma non solo saggi specialistici per imparare una professione, o di approfondimento per accrescere le nostre competenze. Anche romanzi, anzi, soprattutto romanzi.
La letteratura è una fonte inesauribile per scrivere, ma soprattutto, leggere un romanzo è un piacere, non dimenticatelo.

Esprimo questo concetto proprio perché per lungo tempo l’ho scordato; presa com’ero dallo studio, poi dalla casa editrice e dall’ autoformazione per fare della scrittura il mio mestiere, mi sono ritrovata per tanto tempo a leggere testi che poi avrei dovuto correggere, testi sul web writing, il web marketing…senza più leggere libri per puro piacere.
Così, dopo un giusto rimprovero di qualcuno, ho deciso di ricominciare a leggere, partendo proprio da un saggio sulla lettura: “Come un romanzo” di Daniel Pennac.
Come esprime alla perfezione il titolo, che personalmente trovo geniale, Pennac ci regala un saggio sulla lettura che ci accompagna in un viaggio nel quotidiano ricco di storie, personaggi, citazioni, spunti di riflessione, per arrivare ai famosissimi dieci diritti del lettore.

Come-un-romanzo

Il viaggio parte dall’amore del bambino per le storie che i genitori gli leggevano tutte le sere, per poi trattare come i giovani odino la lettura. È inutile colpevolizzare la televisione o gli stimoli provenienti dalla società. A volte sono gli adulti che cercano un capro espiatorio per non prendersi le loro responsabilità. A volte sono di fretta, altre volte stanchi, o ancora distratti.
I giovani sono spesso spaventati dalla lettura perché hanno paura. Di che cosa? Di perdere tempo, del numero di pagine, di non capire.. del compito in classe.

Il problema principale è che la società, la famiglia, la scuola, tendono a presentare la lettura come un dovere.
Bisogna leggere!
Proprio per questo Pennac apre il saggio dicendo:

Il verbo “leggere” non sopporta l’imperativo, avversione che condivide con altri verbi: il verbo “amare” … il verbo “sognare” …

E se invece di esigere la lettura il professore decidesse improvvisamente di condividere il suo personale piacere di leggere?
Il piacere di leggere? Che roba è questa, il piacere di leggere?
E soprattutto, dove trovare il tempo per leggere?

Grave problema. Che non esiste. Nel momento in cui mi pongo il problema del tempo per leggere, vuol dire che quello che manca è la voglia. Poiché a ben vedere, nessuno ha mai tempo per leggere.

Colpito e affondato.
Il tempo per leggere è sempre tempo rubato, come il tempo per scrivere, o per amare.

La verità è che leggere non ha niente a che fare con l’organizzazione del tempo. La lettura è come l’amore, un modo di essere, questo vuole dirci Pennac. La questione non è sapere se si ha o no il tempo di leggere,ma concedersi la gioia di essere lettore.

Concludo con i famosi dieci diritti del lettore. Se volete approfondirli, non vi resta che leggere il libro.

  1. IL DIRITTO A NON LEGGERE
  2. IL DIRITTO A SALTARE LA PAGINE
  3. IL DIRITTO DI NON FINIRE UN LIBRO
  4. IL DIRITTO DI RILEGGERE
  5. IL DIRITTO DI LEGGERE QUALSIASI COSA
  6. IL DIRITTO AL BOVARISMO
  7. IL DIRITTO DI LEGGERE OVUNQUE
  8. IL DIRITTO DI SPIZZICARE
  9. IL DIRITTO DI LEGGERE A VOCE ALTA
  10.  IL DIRITTO DI TACERE

Autori, scrittori, blogger, sceneggiatori, web writer, copywriter, creativi…leggete. Ma miraccomando, non prendetelo come un ordine.


About Author

Giulia Di Re

Giulia Di Re

Webwriter, editor, creatrice di ebook e fondatrice del blog Punto di Domanda. Filosofa ed esploratrice della scrittura in tutte le sue forme e sfumature. Appassionata di storie, libri, comunicazione e serie tv.

Leave a Reply

iscriviti alla newsletter!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

acconsento al trattamento dei dati personali secondo le condizioni espresse nella pagina d'informativa sulla privacy

Vuoi dar vita al tuo progetto web e avere successo? Leggi l'ebook gratuito