4 Lezioni di marketing dal Re Leone

  • 0

4 Lezioni di marketing dal Re Leone

Tags : 

Lo ammetto, sono una fan strasfegatata dei cartoni Disney (forse si era già capito da questo post). Ho trascorso pomeriggi interi della mia infanzia spaparanzata sul divano a guardarmi le mie preziosissime cassette.
Il Re Leone è in assoluto il mio preferito. Risparmio l’introduzione sulla storia perché mi rifiuto di credere che ce ne sia bisogno, quindi arriviamo al dunque.

Che diamine c’entra il marketing?

Vediamo cosa ci possono insegnare Simba e compagnia bella.

Racconta la tua storia

“RICORDATI CHI SEI”. Cinque minuti indimenticabili. Rafiki raggiunge Simba per aiutarlo a riscoprire la sua identità e convincerlo ad affrontare il passato. Mufasa si mostra al figlio e pronuncia le parole che lo spingono a tornare alla Rupe dei Re. Posto che questo estratto potrebbe andare benissimo anche per un post sulla crescita personale, ricaviamo una regola fondamentale per il personal branding.
La storia del povero Simba e della morte del padre è nota. Il leoncino scappa e cresce cercando di dimenticare il suo passato. Non fare come lui: tieni bene a mente la tua storia e raccontala. Capita troppo spesso di imbattersi in siti web con la pagina “chi siamo” che contiene un testo del tutto impersonale. Un testo nel quale ci sono parole generiche che non descrivono in alcun modo l’unicità dell’azienda o del professionista in questione. Ogni realtà è differente dalle altre e quindi a suo modo unica. Ogni realtà ha una storia, la propria storia. Può essere più o meno interessante ma è comunque originale, perché non raccontarla?

Diversificati dalla concorrenza

“TU SEI MIO FIGLIO, E L’UNICO VERO RE”. Simba è unico, nessuno può sostituirlo, tanto meno lo zio Scar. Sii te stesso, sii unico, sii originale. Concentrati su come offrire prodotti e servizi di qualità. Se sei un blogger, per distinguersi non basta scrivere bene, ma bisogna cercare di far emergere il proprio stile. L’unico modo per trovarlo, è scrivere tanto. Prova a trattare argomenti anche triti e ritriti ma in maniera originale, racconta una notizia dal tuo punto di vista, sfrutta le tue capacità e le tue competenze per creare valore per il lettore.

Fidelizza i tuoi clienti

“SE SOLO VALESSI LA META’ DI QUANTO VALEVA MUFASA…” : Sarabi, la madre di Simba, con assoluta compostezza ed eleganza degne di una regina, fa presente a Scar che sta facendo morire di fame il regno. Scar ottiene il trono, ma alla fine non riesce a mantenerlo, e non solo perché torna Simba a riprenderselo: non dimentichiamoci che a farlo fuori definitivamente sono le iene, i suoi primi alleati.
Ebbene, non fare lo stesso errore di Scar: fidelizza i tuoi clienti. Quante volte ci si concentra troppo sull’acquisizione dei clienti, rimuginando ore e ore su come incrementarne il numero? Propongo un cambio di prospettiva. Perché non riflettere sui clienti già acquisiti? Se hai un blog devi sapere che la parte più difficile non è quella di scovare nuovi lettori, ma fidelizzarli. Fai in modo che il tuo blog non sia solo un appuntamento sporadico: cerca di risolvere i problemi della tua nicchia e coinvolgerla. Scrivi articoli utili e sfrutta i commenti ai post per generare una discussione. Oppure se hai un’ azienda sfrutta le potenzialità dell’email marketing.

Analizza

“IL PASSATO È PASSATO..” Ho già citato i cinque minuti indimenticabili di Rafiki e Simba? Sì, già detto. Arriviamo al web marketing e impariamo dal passato. Che significa? Controlla periodicamente i dati del tuo sito web e sfruttali per aumentarne il rendimento. Come possiamo fare? La risposta è molto semplice: usando Google Analytics, il servizio gratuito di Google che permette di monitorare le visite di un qualsiasi sito web. Le diverse sezioni di questo strumento indicano ad esempio quali pagine sono più visitate, il comportamento degli utenti, quanto tempo si soffermano su ogni pagina. Il consiglio è quello di sfruttare le informazioni per migliorare le prestazioni del tuo sito. Per esempio lavora sulla frequenza di rimbalzo per fare in modo che gli utenti si soffermino di più, oppure sfrutta le pagine più visitate per migliorare le conversioni. Per avere maggiori indicazioni suggerisco questo post di Martina De Nardi.

Ricapitolando

  • Racconta la tua storia
  • Diversificati dalla concorrenza
  • Fidelizza i tuoi clienti/lettori
  • Sfrutta i dati del tuo sito web

Per concludere, vi lascio con un video. Un salto nei ricordi d’infanzia fa sempre bene.

 


About Author

Giulia Di Re

Giulia Di Re

Webwriter, editor, creatrice di ebook e fondatrice del blog Punto di Domanda. Filosofa ed esploratrice della scrittura in tutte le sue forme e sfumature. Appassionata di storie, libri, comunicazione e serie tv.

Leave a Reply

iscriviti alla newsletter!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

acconsento al trattamento dei dati personali secondo le condizioni espresse nella pagina d'informativa sulla privacy

Vuoi dar vita al tuo progetto web e avere successo? Leggi l'ebook gratuito